Posologia e utilizzo dell’acido borico in bustine

0 Flares 0 Flares ×

Lo studio farmacologico di molti dei composti chimici utilizzati nella clinica medica tiene conto spesso della posologia, e ciò diventa particolarmente attuale quando, tra le tematiche d’interesse, si parla di acido borico. Il composto è infatti particolare nel suo genere e ciò porta a chiedersi come usare l’acido borico: risposta che arriva proprio dagli studi di farmacocinetica e farmacodinamica utili per poter stilare le controindicazioni dell’acido borico.

Le formulazioni disponibili sul mercato sono molteplici, e tutte con diversi utilizzi e vantaggi; una delle formule più presenti riguarda l’acido borico in polvere, la cui solubilità ne consente facilmente la diluizione in solventi di varia natura a seconda di utilizzi e dosaggi ovviamente indicati dal medico in fase di prescrizione, come per l’acido borico f.u. 30g, oppure in caso d’acquisto diretto quale farmaco Otc, come l’acido borico in bustine. Durante la fase di applicazione è quindi fondamentale tenere conto della possibilità degli effetti dell’acido borico, prestando particolare attenzione ai dosaggi.

Uno dei primi aspetti è quindi quello di eseguire un’accurata anamnesi per poter definire una diagnosi infettiva, individuando il ceppo virale contratto attraverso l’analisi biologica dei campioni raccolti per comprenderne viralità e classe di appartenenza – sulla base della quale poi stilare il corretto dosaggio in base alla posologia. In tal caso l’acido borico in bustine da diluizione potrebbe rappresentare una buona soluzione d’intervento, specialmente per infezioni comuni che richiedono esclusivamente un acido borico in soluzione più che un farmaco particolarmente aggressivo.

L’uso dell’acido borico è infatti strettamente vincolato ai principi di limitazione tipici dei disinfettanti, ciò a causa delle controindicazioni che un utilizzo scorretto, oltre che fuori dai parametri di base, può avere sul quadro clinico del paziente in base alla situazione, al peso e soprattutto rispetto all’ambiente di guarigione che può incidere su tempi e qualità di ripresa terapeutica, nonostante in molti sottovalutino tale fattore.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×